Come lavora la Pluriversum Edizioni

Come lavora la Pluriversum Edizioni

Ci sono case editrici che ricevono il manoscritto, danno un’occhiata, impaginano frettolosamente, appongono i codici su insulse immagini di copertina e inviano il pdf in tipografia. Altre, sedicenti “non a pagamento”, sono semplici associazioni culturali senza né arte né parte. Altre sedicenti “free” sono delle vere e proprie truffe…

La Pluriversum Edizioni no, è un’impresa commerciale all’avanguardia, che si pone come terza via e lavora utilmente per gli autori… proponendosi di inondare il mercato libraio di titoli di qualità.

Come?

Anzitutto attraverso un assiduo lavoro di ricerca condotto dagli innumerevoli talent scout, che scovano nel web e per le strade autori disposti a pubblicare con noi. Ci piace, insomma, fare il primo passo…

Non vogliamo tuttavia chiudere le porte in faccia a nessuno… e quindi, se lo si desideri, si invii pure il proprio inedito. Faremo le nostre valutazioni e vi risponderemo con l’onestà e la schiettezza che caratterizza la nostra condotta morale. Non vogliamo illudere nessuno… ma neppure mortificare chi ci ha messo il cuore per scrivere un testo; riteniamo che tutti meritino di raccontare le proprie storie, illustrare le proprie visioni del mondo, esprimere le proprie emozioni, comunicare con gli altri attraverso un libro.

LE SESSIONI

Intanto, l’attività è scandita da SESSIONI DI PUBBLICAZIONE:

  • Aprile (sessione primaverile)
  • Settembre (sessione estiva-autunnale)
  • Dicembre (sessione invernale)

I RADUNI

Ogni anno, generalmente a settembre, si organizza un RADUNO NAZIONALE DEGLI AUTORI E DEI SIMPATIZZANTI che mira a:

  • STIMOLARE LA CONOSCENZA RECIPROCA DEI PARTECIPANTI PER RAFFORZARE L’IDENTITÀ E LA COESIONE DEL GRUPPO
  • COLLOCARE L’EVENTO NEL TERRITORIO ESTENSE, PATRIMONIO UNESCO
  • PROGETTARE IL FUTURO DELLA CASA EDITRICE CON SPUNTI DI RIFLESSIONE E ANALISI COSTRUTTIVE, IN UNO SPAZIO PLURALE DI CONDIVISIONE E COLLABORAZIONE

La programmazione delle pubblicazioni viene opportunamente comunicata, e comunque regolata contrattualmente, in modo che non si resti nell’incertezza.

UNA GRANDE FAMIGLIA

La Pluriversum è una grande famiglia… ove ci si aiuta gli uni con gli altri; uno spazio ideale imponente, un Parnaso per tutti i gusti, che dia slancio all’impegno quotidiano: chi aderisce al progetto dovrà farlo con il cuore… secondo un modus pensandi non egoico, contro ogni forma di monismo e di molteplicità. Tutto nella consapevolezza che, se si cresce, si cresce insieme; se si gioisce, si gioisce insieme. E che non ha senso far tutto da sé…

A ogni modo, non ce la sentiamo di prestare il fianco ai soliti opportunisti i quali, presentandosi come credibili e affidabili, ottengono l’agognata approvazione del progetto editoriale, per poi miseramente defilarsi, sin dalle prime settimane, adducendo ragioni di ogni tipo, in un mondo in cui basta un nonnulla per incrinare un rapporto e un nonnulla per sgretolare sogni di gloria. Faremo quindi molta attenzione nella valutazione di ciascuna proposta. D’altronde, come premunirsi nei confronti di chi improvvisamente abbandona il timone e si getta, con slancio da capre, sulla misera scialuppa? Alcuni lo chiamano rischio d’impresa, noi più concretamente vigliaccheria. Gente che non contribuisce alla promozione del libro, neppure a mezzo del proprio profilo Facebook, in spregio alle stesse condizioni contrattuali che prescrivono una collaborazione, anche e soprattutto nella post-produzione, e non solo per ficcare il naso su editing, impaginazione e grafica. Perché lo fanno? Forse perché miravano unicamente ad ampliare il curriculum letterario, secondo il principio “O pubblichi o muori”, o per ricevere un quarto d’ora di celebrità sui social network.

LA MISSION

LA PLURIVERSUM MIRA ALLA DIFFUSIONE DI UNA CULTURA DELLA PLURALITÀ.

PUNTA SU BUONE PENNE, SULLA DEFINIZIONE DI LINEE EDITORIALI ORIGINALI, COLLANE PRESTIGIOSE E SOPRATTUTTO SULLA PROMOZIONE, LA DISTRIBUZIONE E LA VENDITA DEI LIBRI… RIPUDIA LA PRASSI DEL “CONTRIBUTO ALLA STAMPA” DELL’AUTORE (DA RIPUDIARE TOTALMENTE, GIACCHÉ DERESPONSABILIZZA L’EDITORE E AFFRANCA PERICOLOSAMENTE LA POSIZIONE DELL’AUTORE) E NON ACCETTA IL MODUS OPERANDI DEL FREE, QUANDO NON SI GARANTISCONO EFFETTIVAMENTE SERVIZI EDITORIALI FUNZIONALI ALLA PUBBLICAZIONE DI BUONI LIBRI.

LA VALUTAZIONE DEI TESTI INVIATI DAGLI AUTORI

Sempre si procede a una serie di valutazioni (qualità del manoscritto, notorietà dell’autore, prospettive di crescita e vendibilità dell’opera).

Per valutare un testo ci vuole del tempo, a meno che non lo si faccia in maniera frettolosa e inconcludente; ma non è da noi operare con sciatteria e non prendere sul serio le proposte editoriali. Solo che non abbiamo tanta voglia di analizzare testi che non valgono un fico secco, per poi, tra l’altro, inviare la mail di rifiuto ed essere accusati di favoritismi!

PREFERIAMO PRENDERE IN CARICO QUEI TESTI CHE PERVENGONO ATTRAVERSO LA PRE-SELEZIONE DEI NOSTRI INNUMEREVOLI TALENT-SCOUT O CHE SIANO SEGNALATI DAI NOSTRI AUTORI.

Si verifica che il testo sia conforme alla Norme editoriali.

In un secondo momento si procede alla disamina del Piano editoriale (di cui si sollecita l’invio sin dalle prime battute). La compilazione avviene secondo le indicazioni stabilite nel sito web della casa editrice, e di solito grazie alla consulenza dei nostri tutor.

Gli autori vengono classificati in:
– affermati (italiani e stranieri che abbiano avuto contratti editoriali con grandi case editrici)
– emergenti (quelli che hanno già all’attivo almeno una pubblicazione, escludendo il self-publishing e le pubblicazioni con micro-editori non dotati di una rete distributiva; occorrerà dimostrare che abbiano venduto almeno 200 copie per almeno un libro tra quelli già pubblicati)
– esordienti (tutti gli altri)
– di origine straniera

La Pluriversum si riserva l’opzione di attribuire la qualità di emergente ai suoi stessi autori, i quali abbiano profuso un impegno non indifferente e lavorato secondo le indicazioni e le finalità richieste.

(La distinzione non dovrebbe indurre malumori e invidie ma spinte a migliorarsi e a consolidare la propria posizione).

Ovviamente, le royalty per diritti d’autore muteranno a seconda della sezione di appartenenza. Si va dal 4% al 30%, a seconda dei casi, e con rendicontazione annua.
La stessa distribuzione avverrà tenuto conto delle richieste dei librai, i quali, com’è ben noto, decidono di esporre solo ciò che ritengono vendibile o ciò che effettivamente viene ordinato.

I PACCHETTI

A seconda delle particolari esigenze e delle aspettative degli autori, sono previsti tre pacchetti (Base, Medium, Large), che incidono essenzialmente nella fase promozionale.

Il pacchetto base, che è quello minimo per ottenere una pubblicazione, comprende, oltre, ovviamente, alla fornitura dei servizi editoriali funzionali alla pubblicazione (editing, impaginazione, correzione bozze, layout di copertina, apposizione codici isbn/ a barre, distribuzione nella catena della grande libreria):

  • due copie omaggio del libro
  • royalty dal 5 all’8%
  • scontistica sulle copie acquistabili dal cliente dal 20 al 30% del prezzo di copertina
  • 2 recensioni redatte dalla Redazione della Pluriversum divulgate in almeno 5 blog tra quelli convenzionati
  • 1 intervista a cura dell’Ufficio Stampa della Pluriversum divulgata attraverso il sito della casa editrice, pensieroplurale.it e i social
  • Distribuzione dei libri in almeno 2 piccole librerie indipendenti concordate con l’autore
  • Organizzazione di una presentazione
  • Creazione pagina Facebook

Il pacchetto Medium, oltre ai servizi editoriali funzionali alla pubblicazione, comprende:

  • 5 copie omaggio del libro
  • royalty dal 6 al 10%
  • scontistica sulle copie acquistabili dal cliente dal 30 al 40% del prezzo di copertina
  • 5 recensioni redatte dalla Redazione della Pluriversum divulgate in almeno 10 blog tra quelli convenzionati
  • 2 interviste a cura dell’Ufficio Stampa della Pluriversum divulgate attraverso il sito della casa editrice, pensieroplurale.it e almeno 2 blog tra quelli convenzionati
  • Segnalibro da distribuire nelle librerie come concordato con l’autore
  • Distribuzione dei libri in almeno 5 piccole librerie indipendenti concordate con l’autore
  • Organizzazione di 1 presentazione
  • Creazione pagina Facebook
  • Spot per YouTube
  • Creazione di sito web, con annesso dominio valido almeno un anno

Il pacchetto Large, oltre ai servizi editoriali funzionali alla pubblicazione, comprende:

  • 10 copie omaggio del libro
  • royalty dal 7 al 13%
  • scontistica sulle copie acquistabili dal cliente dal 40 al 50% del prezzo di copertina
  • 5 recensioni redatte dalla Redazione della Pluriversum divulgate in almeno 20 blog tra quelli convenzionati
  • 2 interviste a cura dell’Ufficio Stampa della Pluriversum divulgate attraverso il sito della casa editrice, pensieroplurale.it e almeno 5 blog tra quelli convenzionati
  • Segnalibro e locandine da distribuire nelle librerie come concordato con l’autore
  • Distribuzione dei libri in almeno 7 piccole librerie indipendenti concordate con l’autore
  • Organizzazione di almeno 2 presentazioni
  • Comunicati stampa mirati
  • Creazione pagina Facebook, assistenza e campagna advertising per almeno un mese
  • Creazione di sito web, con annesso dominio valido almeno un anno
  • Campagna AdWords per almeno un mese
  • Spot per YouTube e Video intervista
  • Booktrailer

LE FASI REDAZIONALI E I SERVIZI EDITORIALI

L’editing letterario (noto anche come editing editoriale) è la correzione del testo funzionale alla pubblicazione. Non è possibile mettere in commercio un libro privo di editing. Un attento controllo del testo, finalizzato alla rimozione di ogni refuso, ma anche di ogni incongruenza di natura morfo-sintattica, lessicale e strutturale, è indispensabile; nessuna casa editrice seria ne farebbe mai a meno.

Editing e correzione di bozze non sono la stessa cosa. La correzione di bozze si limita a correggere refusi, errori grammaticali e a impostare una corretta punteggiatura, mentre la revisione testuale scende più in profondità. L’editing non è un optional; un secondo occhio, di un professionista abituato a lavorare sui testi, neutrale e obiettivo, è quanto di più necessario e significativo per la migliore resa del prodotto.

L’editing letterario può assumere la forma di una vera e propria scuola di scrittura: l’editor traccia un percorso da compiere assieme all’autore, per aiutarlo a sbozzare lo stile, migliorare alcuni passi acerbi, perfezionale il testo da un punto di vista sia estetico che contenutistico. In tal caso, si parla di SPECIFICA CONSULENZA SULL’EDITING: l’autore è accompagnato lungo tutto il percorso redazionale del testo, ed è coinvolto direttamente nella composizione, con suggerimenti, accorgimenti, informazioni di natura morfosintattica e persino stilistica. Ovviamente, trattasi di un servizio editoriale non necessario, richiesto dall’autore e di volta in volta concordato con lui.

REGOLA FONDAMENTALE DELL’EDITING: MAI CAMBIARE IL PENSIERO DELL’AUTORE.

Contrattualmente, tuttavia, onde evitare un estenuante diktat, l’autore si obbliga ad accogliere le proposte di modifica del testo che l’EDITORE avanzi, giustificate dalla necessità di adeguarlo ai criteri concordati e da una valutazione di esigenze di tipo tecnico o commerciale.

I servizi editoriali comprendono anche: impostazione testo, impaginazione, layout di copertina, apposizione codici Isbn/a barre e supervisione generale.

I servizi editoriali sono funzionali alla pubblicazione di libri di qualità e sono perciò contrattualmente garantiti ed effettivamente forniti secondo modalità concordate con l’autore.

La fornitura dei servizi editoriali è totalmente a carico dell’editore.

Sono invece a pagamento le consulenze sull’editing.

IMPAGINAZIONE

Una volta completata la revisione, con l’intervento (imprescindibile) del correttore di bozze, si procede a impaginare in maniera meticolosa. Nel frattempo, si definisce un layout di copertina e si decide se inserire oppure no illustrazioni. Anche qui, è indispensabile cercare l’accordo con l’autore, in modo che costui si rispecchi in tutto e in parte con il prodotto finale. I nostri grafici e disegnatori sono a sua disposizione.

Un’osservazione en passant. L’editing, e cioè la revisione testuale, è indispensabile, non solo per ripulire il testo da ogni refuso la cui presenza comprometterebbe la qualità e la distribuzione del libro, ma anche per migliorarne la struttura. È un valore aggiunto, un completamento importante, di cui beneficia prima di tutto l’autore, il quale, non avendo mai pubblicato, potrà presentarsi sul mercato editoriale con un testo all’altezza… Poi, c’è da dire che il libro è pur sempre dell’autore, è il suo nome che compare in copertina, sia pure con il marchio della casa editrice, che, è vero, ne acquisisce il copyright e perciò il diritto a venderlo, ma vendendo anche l’autore guadagna… I lettori non possono sapere quanto sia stato decisivo il contributo dell’editor e in quale forma si presentava il manoscritto originario. E non è neppure possibile sostenere che l’intervento dell’editor sia in qualche modo secondario…

IL CATALOGO

Il catalogo comprende narrativa, poesia, saggistica, antologie, e alcune prestigiose collane.

Abbiamo una sezione di Audiolibri e una sezione eBook.

IL CONTRATTO EDITORIALE

La sottoscrizione del CONTRATTO EDITORIALE prevede, come già detto, una royalty variabile, commisurata anzitutto al pacchetto richiesto.

Il contratto prevede l’indicazione della tiratura affinché l’accordo sia utile ed efficace per entrambe le parti.

È un diritto dell’autore, e NON UN OBBLIGO, ottenere direttamente dall’editore, in anteprima assoluta, le copie a prezzo scontato. Anche per la scontistica incide la scelta del pacchetto. Ma è sempre garantita all’autore. Può darsi, infatti, che egli desideri gestire in autonomia alcune presentazioni e avere un certo quantitativo di copie. Il contratto editoriale prevede una certa scontistica, commisurata al numero di copie richieste e al prezzo di copertina concordato.

E poi?

LA POST-PRODUZIONE

E poi… viene il bello. Il libro va venduto… Niente affatto! Uhm! Il libro va distribuito. È diverso il concetto.

Un libro è un oggetto di cultura. Ha il suo valore di mercato, ma anche e soprattutto un valore intrinseco. Il libro è lo strumento prescelto dalle grandi civiltà, a partire dai Sumeri, per conseguire ordine, memoria e arricchimento spirituale. Invero, là dove non esistono libri… fateci caso… domina non soltanto l’ignoranza e la povertà ma anche la brutalità. È sempre stato così. E sempre così sarà. Non è giusto trattare il libro come fosse una qualsiasi merce. Non è “usa e getta”. Perciò si cercherà di curarne quanto più possibile l’aspetto esteriore… Non è deperibile come il latte, non è neppure possibile un perdurare all’infinito della carta. Esiste una scienza della conservazione… dei beni culturali… Ma esiste anche la possibilità di prelevare i contenuti e trasferirli su altro supporto, cartaceo o digitale che sia. E a proposito… anche l’ebook è libro e ha una sua dignità, sebbene venga fin troppo spesso screditato. Il supporto, per quanto importante, è pur sempre secondario rispetto al contenuto, tanto più oggi, nell’epoca della riproducibilità tecnica di ogni cosa. Ad ogni modo, la Pluriversum ha deciso di porre la massima attenzione all’aspetto esteriore dell’edizione cartacea, proprio perché un libro in versione digitale è solo contenuto, mentre uno in forma cartacea si esprime anche attraverso il suo involucro. E questo, al tatto, deve sembrare oro!

E allora… i libri vanno distribuiti, prima di tutto, donati a biblioteche e scuole, affinché siano resi disponibili a chi non può comprarli, in forza di un’etica della condivisione del dono; poi, nelle librerie ove sia utile e normale farli arrivare. L’obiettivo dovrà essere: far sì che i libri siano richiesti su base nazionale. Intanto, grazie a efficienti canali di distribuzione, i libri sono ordinabili dalle Feltrinelli di tutta Italia, e saranno presenti negli scaffali delle piccole librerie che di volta in volta li richiederanno e con cui avremo opportunamente stabilito accordi. Si potranno lasciare in conto deposito… allorché una parte si impegna a custodire un bene che è di proprietà dell’altra parte senza trasferimento di proprietà. Il libraio espone i libri e li vende, trattenendo una sua percentuale, ovvero restituisce, a spese dell’editore, ciò che, dopo un certo periodo di tempo, rimane invenduto. Se in conto vendita, la proprietà viene direttamente trasferita.

Inoltre, i libri devono essere disponibili online, con proprio e-commerce, affinché sia possibile vendere 24 ore su 24. Non dimentichiamo inoltre che quasi 30 milioni di italiani vivono in Comuni che non hanno librerie ma, al più, semplici edicole e cartolibrerie. Mentre sono 65.000 i nuovi titoli annui*. E non dimentichiamo pure che… siam tutti come rapiti dal fascino dello smartphone… che sembra persino più bello navigare nel web che fare il saliscendi in un’afosa libreria e tre piani, coi soliti best-seller collocati all’entrata.

PROMOZIONE E DIFFUSIONE DI CULTURA 

Arriva il momento della promozione. Non si fanno semplici presentazioni. Si devono organizzare eventi ad ampio respiro, con letture, musica, video, gastronomia, momenti di discussione e di condivisione, all’insegna dell’originalità, dell’intrattenimento e della cultura.

Inoltre, si crea un “movimento” e un “chiacchiericcio” sui libri, suscitando curiosità, affinché divengano oggetti di desiderio. A tal proposito le recensioni rivestono un ruolo decisivo in funzione di valorizzazione e di analisi e commenti.

Il web è importante. I social network non vanno trascurati. Abbiamo decine e decine di pagine e gruppi Facebook per fornire agli autori oltre che informazioni anche un momento di svago, di condivisione di idee e di convivio.

Importanti, in prospettiva, anche la partecipazione a fiere e workshop.

Pluriversum Edizioni, con la collaborazione dell’Associazione di promozione sociale PluralCosmos di Ferrara, organizzerà anche eventi culturali, corsi, reading e seminari.

Saranno forniti agli autori servizi editoriali altamente professionali, da interviste a book-trailer, da audio-trailer ad audiolibri, con lo scopo di sospingere in alto i nostri cari autori… senza i quali non esisteremmo.

 

Rivolgiamo loro il più grande in bocca al lupo!

E a noi ampia prosperità!

 

________

*Dati forniti dall’AIE nell’autunno 2016.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *