Cerchiamo la giusta distanza

Cerchiamo la giusta distanza

Non può esserci, tra Editore e Autore un semplice rapporto professionale. È necessaria una più ampia e incisiva collaborazione. Un po’ come tra insegnante e alunni: se si è troppo scostanti, ai limiti della freddezza, si rischia di andare avanti col programma senza sapere come e cosa stiano realmente assimilando gli alunni. Per saperlo occorre creare un’interazione empatica, coinvolgerli all’insegna della reciproca stima. È questo il senso della philia greca, una relazione di amicizia basata sulla lealtà e sul rispetto dei ruoli.

Purtroppo, stringere rapporti di sostanza è assai pericoloso, al giorno d’oggi, nell’era della friabilità emotiva e dell’interesse proprio, quando basta un niente, una parola fuori posto o un comportamento inadeguato, per decretare la cessazione dell’amicizia e del rapporto professionale stesso. Essere disponibili può dar adito a una serie infinita di fraintendimenti e inconvenienti. Si finisce per dire troppo, per comunicare cose che esulano dal rapporto, creando una sorta di livellamento che impedisce alla stessa relazione di essere proficua.

È un rischio, d’altronde, che va corso; ne sono pienamente consapevole. Sono sempre stato attratto dall’approccio didattico, indubbiamente eccentrico, del professor Keating che insegna a cogliere l’attimo fuggente dei sentimenti e della vita. La poesia non è geometria. E ha ragione! Senza scendere nel sottoscala dell’interiorità tutto diverrebbe vano, tutto inutilmente vissuto.

Ma aprirsi, dare confidenza agli altri, stringere legami d’amicizia non può e non deve significare il capovolgimento delle priorità. Per gli alunni, la priorità resta quella di imparare; se non imparano qualcosa sta andando storto. Per gli autori, la priorità resta quella di avere soddisfazioni e di ottenere successo.

Il segreto è nel saper dosare bene richieste, pretese e possibilità, mantenendo una “giusta distanza”, che, per quanto fragile e cedevole, è la base di ogni rapporto umano.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *