Come lavora la Pluriversum in 10 punti

Credo sia opportuno ricordare agli autori Pluriversum, agli aspiranti tali e a tutti i follower come lavora la nostra casa editrice.

Lo faccio attraverso 10 punti, spero esaustivi.

  1. No contributo. No obbligo di acquisto copie.
  2. Contratto free, con corresponsione di royalty sulle vendite dei libri.
  3. Accettazione di inediti in seguito a una doppia valutazione: contenutistica (per verificare che il testo non sia da destinare al cassonetto “carta” della raccolta differenziata); progettuale (esaminando il Piano editoriale, per assicurarsi che l’autore abbia le idee chiare su come intenda promuovere il suo libro e sia intenzionato a collaborare per la migliore riuscita del progetto).
  4. Tutti i testi sono curati in ogni minimo dettaglio e sottoposti a editing, per adeguarli alle nostre norme editoriali, per renderli più appetibili ai lettori, anche elaborando copertine favolose, grazie al supporto di grafici altamente professionali.
  5. La fornitura dei servizi editoriali è concordata di volta in volta con gli autori; in alcuni casi sono prestati gratuitamente. Siamo tuttavia del parere che l’autore resti sempre e comunque titolare dell’opera; allora, a beneficiare dell’intervento non è soltanto la casa editrice (che potrà portare sul mercato libri di qualità), ma l’autore stesso (al quale, come detto, vanno delle royalty per la vendita del prodotto finito e non per quello originario). Inoltre, è facile intuire le difficoltà di una casa editrice che non disdegni la pubblicazione di autori esordienti, che non sia radical chic, che sia aperta e disponibile a investire su autori che da un momento all’altro potrebbero defilarsi o per affievolimento dell’entusiasmo iniziale o per altre mille ragioni imprevedibili. In un mondo di rapporti friabili che si sgretolano a colpi di messaggini su WhatsApp o anche per semplici supposizioni, pensare in prospettiva di medio e lungo periodo appare non solo rischioso ma folle, e sarebbe più giusto che anche l’autore si assumesse le sue responsabilità in termini di tempo e denaro. L’autore difficilmente imputerà a sé stesso un eventuale flop. Dirà che l’editore non lo ha ben promosso, che non lo ha saputo valorizzare. Sono gli alibi ricorrenti di chi non sa riconoscere i propri limiti e spera che, scaricando le colpe su altri, faccia sonni tranquilli. Già Omero ammoniva di stare alla larga da codeste persone. Non è sempre facile, però, riconoscerle anzitempo.
  6. Gli autori Pluriversum sono coinvolti nel processo redazionale e promozionale, affinché prendano coscienza della pubblicazione in essere; si considera indispensabile la collaborazione tra editore e autore. A tal proposito, sin da subito, agli autori è assegnato un tutor che li segue lungo tutto il percorso, e fino alla scadenza del contratto, in genere di un anno.
  7. I contratti editoriali sono conformi agli standard richiesti dalla legge e dalle consuetudini; per esempio prevedono un numero minimo di copie stampate in prima edizione.
  8. La Pluriversum organizza presentazioni in forma di eventi culturali, talvolta dei veri e propri spettacoli, ove l’elemento conviviale assuma un ruolo preminente.
  9. I libri sono vendibili nelle librerie, grazie all’intervento di distributori nazionali; ma è difficile trovarli già esposti negli scaffali delle librerie, anche se la rete di distribuzione diretta, attraverso convenzioni con piccole entità indipendenti, si amplia di ora in ora. La Pluriversum non intende escludere a priori nessuno. Vorrebbe dare una possibilità a tutti e resta la casa editrice ideale per autori esordienti che intendano mettersi in gioco con determinazione, umiltà e perseveranza.
  10. La Pluriversum Edizioni è dotata di un Ufficio Stampa all’avanguardia, che intrattiene attraverso i social network un dialogo aperto e continuo con tutti, in uno spazio plurale di comunicazione e interazione, al fine di fornire ogni genere di informazioni, cercando di essere chiari e precisi, trasparenti e disponibili nell’esaudire istanze, dubbi e perplessità.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *