Domenico Manno: La natura del poeta in versi

(Intervista a cura di MARINA VICARIO)

Oggi, per la mia rubrica “A BRACCETTO CON L’AUTORE”, vi presento un poeta che ha molte cose da esprimere; un vero amante della natura e dell’amore in tutte le sue sfaccettature.

Domenico Manno è nato a Santa Anastasia in provincia di Napoli, il 9 giugno 1966. Ha studiato presso la facoltà di psicologia all’Università La Sapienza di Roma. Appassionato di Storia dell’Arte e Letteratura, sin da giovane si è cimentato nella composizione di testi poetici, con grande passione e notevoli soddisfazioni.

Ama organizzare gare di poesie e si cimenta sempre in nuove esperienze.

Anna Campo, autrice del bestseller Pluriversum “Un gomitolo di Storie”,  fornisce una gentile riflessione su alcune liriche del poeta da lei preferite: Dolore uniforme – Fantasmi – Per le mamme lassù.

“Sono tre poesie molto delicate e forti allo stesso tempo. Grazie a queste sono arrivata a comprendere il Poeta Domenico Manno profondamente. Traspare una forte personalità che cerca di tenere sotto controllo qualcosa che, già sa, non riuscirà a controllare. La maschera della prima poesia, Dolore uniforme, vorrebbe nascondere un dolore impronunciabile a parole; la nostalgia struggente della seconda poesia, Fantasmi, rievoca una vita che sfugge tra le mani e che non sarà più sua.

Per le mamme contiene il dolore di tutti quelli che vivono del ricordo di colei che è stata la persona più importante della tua vita. Un pezzo di marmo ornato a festa non può contenere un dolore così grande.

Domenico è un poeta sensazionale, dai suoi scritti traspare una grande volontà che però nasconde un immenso desiderio di amare e di essere amato senza maschere e senza finzioni.

In questa intervista ci parla del suo ultimo libro, “Radici di versi”, e ci dà appuntamento per conoscerlo a Somma Vesuviana, il 29 settembre 2018, in occasione della sua presentazione ufficiale.

L’acquisto può essere effettuato presso la LIBRERIA IOCISTO, di Via Cimarosa n. 20, a Napoli. Ovviamente, il libro è pure ordinabile in tutte le librerie d’Italia e sul nostro sito web; però, averlo a scaffale in una prestigiosa libreria napoletana, beh… è un vanto e un onore per tutti noi!

Acquista dal catalogo “Radici di versi”: http://www.pluriversumedizioni.it/prodotto/radici-di-versi/

BUONA LETTURA!

___________________________

Il 29 settembre 2018 farai la  presentazione del tuo libro, vuoi parlarcene? Dove potranno venire gli interessati a sentirti e a comprare il tuo libro?
Radici di versi” sarà presentato il 29 settembre a Somma Vesuviana, all’associazione culturale artistica “Il Torchio” di cui io stesso faccio parte. È una location ben strutturata dove gli invitati si troveranno sicuramente a proprio agio e potranno comprare il mio libro dopo una bella festa di presentazione.

Come hai conosciuto Pluriversum Edizioni e deciso di pubblicare con questo marchio importante?
Ho conosciuto la Pluriversum tramite il gruppo “Inchiostro dell’anima di Rosamaria Alagna” e mi è piaciuto molto come lavora. Quando Antonio Di Bartolomeo mi ha proposto di pubblicare il libro con lui ho immediatamente dato il mio consenso.

Da dove è scaturita la necessità di scrivere un libro di poesie?
Devo precisare prima una cosa che mi sta a cuore. Questo libro è nato, più che da me, dalla volontà dei miei amici che mi hanno spronato a pubblicare di nuovo dopo 10 anni. Diciamo che avevo perso un po’ di entusiasmo nel rendere pubbliche le mie esperienze emotive, ma poi, ripensandoci, mi son detto che andavano esternate. Chi più chi meno, abbiamo tutti bisogno di sfogo in questa vita così irreale e, credo, che molti si rispecchino un pochino dentro i miei versi.

“Radici di versi” è un titolo che ci rimanda a significati importanti, vuoi spiegarci tu perché l’hai scelto?
Il titolo l’ho scelto in base al contenuto del libro stesso. “Radici” come l’amore che ho per la natura nel suo insieme. L’amore in tutte le sue forme, colori e sfaccettature. Ho l’abitudine di svegliarmi molto presto per un semplice motivo: non perdermi i colori dell’alba e di un nuovo giorno, proprio come se nascesse una nuova vita. Ogni giorno ritrovo un miracolo continuo, niente affatto scontato. Tutte queste emozioni sono espresse in versi, quindi il titolo è venuto da sé: “Radici di Versi” è la mia anima svelata.

Quando ti sei accorto che volevi scrivere anche per gli altri?
Da piccolo, in tenera età leggevo intensamente i vari autori sia di poesia sia di narrativa. Quello che mi colpì di più fu Hermann Hesse che mi trasmise la forza esplicativa della poesia. Poi, ricordo molto bene una frase di Charlie Chaplin, nel film “Il grande dittatore”, dove lui sosteneva il ruolo di un barbiere e quello dello spietato Hitler… “Vedi quella stella” disse alla sua fidanzata nel film, “Hitler, con tutta la sua potenza, non potrà conquistarla mai”. Questo mi fece pensare che i poeti e gli artisti, invece, sono ben lontani da ogni dittatura e vestono il proprio animo con i sentimenti dello spirito, quello spirito che innalza i valori e fa sì che niente possa passare inosservato, perché il senso di far poesia è qualcosa che si avvicina alle stelle. Quindi, quasi per caso, incontrai il mio Maestro, quando cominciavo a scrivere soltanto per sfogo. Lui mi disse che la poesia va donata e io scrissi il mio primo libro “Incontri, riscontri e scontri ” che ebbe un discreto successo. Con l’abnegazione e lo studio continuo ha preso forma il mio stile, se così vogliamo dire, e ho incominciato a perfezionare la forma della mia “parola.”

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?
Migliorare sempre, prima di tutto, e cimentarmi con la narrativa. Tra non molto uscirà il mio prossimo libro: un thriller-poliziesco-horror. Un’avventura nuova e inusuale per un “poeta”, ma il desiderio di comunicazione è davvero incontenibile… e ci voglio provare.

Cosa speri arrivi ai lettori che acquisteranno il tuo libro?
“Poesia, che Magia”! Così dice il poeta mio amico, Roberto Stasino. Vorrei che ai lettori arrivassero emozioni a catena. Emozioni che schiudessero petali di una lirica sentimentale verso mete rappresentative di ogni sussulto e respiro dell’uomo. È questo il mio intento, questa la chiave di un rebus creativo che si scioglie con le fibrillazioni dell’anima di “Radici di versi”. Un concerto di un’apoteosi che dissolve le ombre del passato.

——————————————-

Domenico Manno è un uomo fuori dagli schemi e ne apprezzerete le qualità poetiche nel suo libro già orientato verso un sicuro successo.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *