Osvaldo Rosi

È è nato a Massarosa (Lucca). Collabora con diverse riviste e ha pubblicato quattro libri: “Granelli di sabbia”, “L’alba di domani”, “Quando i fiori piangono” e “Tre spine nel cuore”.

È membro accademico dei seguenti sodalizi: San Marco Legion d’oro, Guglielmo Marconi, Tiberina, I Principi Columbia, Gli Immortali d’Italia, Lutece di Parigi, Europa University.

Ha ottenuto molti premi e riconoscimenti tra cui: 1° premio Targa d’oro consolato di Basilea (Svizzera), 1° premio “Il Tarocchino “(Marina di Pietrasanta), Riconoscimento Internazionale Testimonianza “Verso il successo” (Bologna), Riconoscimento Internazionale Coppa d’oro (Roma), Riconoscimento Internazionale “Orso d’Oro” (Roma), Premio Europeo (Roma), 1° premio “Sele” (Roma), 2° premio “I Principi” (Genova), 3° premio” Giuseppe Ungaretti”, Premio Internazionale “Arte e cultura Pot” (Melide, Svizzera), Premio ultima selezione Giacomo Leopardi Accademico della classe Nobel arte e musica (Milano), Medaglia”Tavolozza di Carnevale” (Viareggio), 4° Premio “Gran Premio Italia”, 5° Premio “ Sorrento”, Premio William Shakespeare Selezione Speciale Tricolore, 1° premio speciale “Lev Tolstoj”, e altri ancora, come la magnifica eccellenza consegnata dal suo Comune di residenza e il primo premio “Carnevale di Viareggio”.

È iscritto alla SIAE come paroliere. Sue canzoni sono incise su dischi e cassette. Tra di esse ricordiamo “Samba brasilena”, “Quel giorno d’estate”, “Cerco la danza dell’amore”, “Stella polare”, “Il tuo pazzo orgoglio”, “C’era una volta il vento” e “Un’ora solamente”.

Hanno scritto di lui: Nello Punzo, Guido Massarelli, Salvatore Tanasi, Mario Piccione, Salvatore Pocobelli, Ernesto Di Leo, Franco Tralli e altri.

Sue poesie sono inserite in antologie come “Poeti per la scuola”, “Arte e Poesia del nostro tempo”, “Agenda Lo Faro”, “Scrittore d’Italia”, “Viva la vita”, “Il Tarocchino” e nei calendari poetici “Libro dei mesi”.